Il vetro, le sue trasparenze e la sua grazia ci hanno sempre affascinato. Scopri insieme a noi la sua storia e le tecniche di lavorazione che ancora oggi ci permettono di apprezzare meravigliosi oggetti decor.

Storia del vetro

La storia del vetro inizia con una leggenda, tramandata da Plinio il Vecchio: alcuni mercanti fenici, tornando dall’Egitto con un grosso carico di nitrato di potassio (detto anche natrium in latino o più comunemente salnitro), una sera si accamparono sulle rive del fiume Belo per riposare e, come di consueto, accesero il fuoco per cucinare e scaldarsi attorno alla fiamma. Per cuocere le vivande, non trovando pietre, utilizzarono alcuni blocchi di salnitro che, con il calore, iniziò a fondersi insieme alla sabbia silicea del luogo. Questo processo originò, tra la meraviglia di tutti, una sostanza liquida ed incandescente che poi, raffreddandosi, divenne trasparente: il vetro.
L’origine del vetro, secondo questa storia, che gli autori antichi furono inclini a considerare vera, fu dunque un avvenimento casuale.

Ai Fenici va riconosciuto il merito di aver contribuito alla diffusione dei prodotti vetrosi, ma probabilmente la scoperta del vetro è ben più antica e altre fonti sostengono che inizialmente il vetro fu prodotto in Mesopotamia (4000 a.C.). Certo è che, nei primi tempi della lavorazione, il vetro fu considerato un materiale prezioso al pari di gemme e pietre dure e fu utilizzato per realizzare piccoli gioielli.

Il vetro soffiato

La tecnica della soffiatura del vetro fu introdotta alcuni decenni prima di Cristo e da quel momento si svilupparono importanti centri di produzione in Italia e in Oriente.
Nel Medioevo vi furono anche notevoli innovazioni e l’importanza del vetro aumentò con il diffondersi di vetrate, vasi, alambicchi e altri oggetti.

Il vetro di Murano

Una delle più preziose espressioni della lavorazione artistica di questo materiale è il vetro di Murano. Mentre in altri paesi le vetrerie sono sorte nelle vicinanze dei luoghi di approvvigionamento delle materie prime o del combustibile, Venezia e Murano hanno sempre dovuto importare da località molto lontane le sabbie silicee vetrificanti, la soda fondente e le altre materie prime. La vera ricchezza di Murano sono stati i suoi artigiani, gli esperti tecnici compositori, che hanno perfezionato la qualità del vetro muranese e hanno inventato sempre nuovi raffinati colori, e i maestri vetrai, che hanno sviluppato un’abilità eccezionale nella modellazione del vetro incandescente.

Sono costoro che sono stati chiamati all’estero fin dal Rinascimento e hanno esportato la loro tecnologia, grazie alla quale sono sorte altrove più giovani tradizioni vetrarie. Il maestro giunge a padroneggiare la sua arte dopo lunghi anni di apprendistato in fornace. Se non non sei mai stati, vai a Murano e vedrai con i tuoi occhi la magia della creazione del vetro artistico.

La lavorazione del vetro nel passato ha dato origine a oggetti, come brocche, pomelli, bottiglie e barattoli, che ancora oggi possono essere valorizzati sulla tua tavola e nella tua casa.
Presto potrai scegliere tra tanti di questi oggetti decor vintage nel nostro negozio online!

One comment

Reply

Grazioso il servizio in stile Liberty! Credo che i complementi in vetro di Murano riescano come pochi altri elementi d’arredo a personalizzare gli ambienti.. provare per credere anche in giardino!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

12 − 4 =