Mi capita spesso, quando prendo in mano le ceramiche antiche, di rimanere incantata dalla decorazione. Rimango letteralmente rapita non solo dalla maestria, ma anche dall’incredibile equilibrio tra pieni e vuoti, tra svolazzi e linee rigorose.

Noi italiani poi siamo fortunati: abbiamo un buon gusto innato grazie allo splendido paese dove siamo nati!
Non vi capita mai di pensare che gli artigiani di allora fossero più bravi di noi? Sarà forse che non si apprezza mai quello che si ha, oppure è veramente così?
Io non ho la risposta esatta a questa domanda. Posso però dire che gli artigiani di allora erano veramente i più bravi tra le maestranze possibili: venivano scelti da piccoli e coloro che venivano affiancati al maestro erano fortunati perchè non avrebbero lavorato duramente nei campi, ma in un ambiente relativamente più confortevole e meglio retribuito. La motivazione quindi era sicuramente forte.
Inoltre si ispiravano per i loro decori alla maestra più grande e l’unica possibile: la natura.

natura-piatto-heyfoo-2

Non riuscite a scorgere in questi bellissimi piatti francesi tutta la grazia dei campi primaverili?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

twenty − 16 =