Le nostre nonne e le nostre madri se lo ricordano bene; quando arrivava la proposta di matrimonio, di solito fatta chiedendo la mano direttamente ai genitori, una delle cose più importanti per non sfigurare con la famiglia del futuro sposo era avere un bel corredo. Quell’insieme cioè di lenzuola, asciugamani, camicie da notte, tovaglie, strofinacci, tutti ricamati a mano o comunque di tessuti pregiati come lino o canapa.

corredo matrimoniale heyfoo 2Si iniziava a preparare il corredo fin da piccole; ogni anno, mi raccontava mia nonna, le madri compravano o commissionavano alle ricamatrici qualche pezzo, così da avere un cospicuo numero di elementi tessili per quando il matrimonio si avvicinava. In fondo il corredo doveva servire per molti anni a tutta la famiglia, anche in vista dei futuri figli. I pezzi più pregiati poi, venivano tramandati di generazione in generazione.

Nonostante l’emancipazione femminile, ancora negli anni 60corredo matrimoniale heyfoo 3 l’usanza del corredo rimaneva inalterata. Donna Letizia, in una popolarissima rubrica, dava l’esatto elenco dei pezzi necessari, specificando che di norma il pagamento del corredo doveva essere assolto dalla famiglia della sposa.
Io, che vengo da una famiglia del sud almeno per metà, ho avuto il mio piccolo corredo fin da bambina e nel tempo un po’ l’ho ricamato da sola.

Però, invece di tenerlo chiuso in un cassetto come avviene di solito, lo uso ogni giorno. Che bello avere in bagno gli asciugamani ricamati e quanta allegria mette usare una bella tovaglia di lino!

E voi avete il vostro corredo? Se la risposta è no, niente paura; metterlo insieme spendendo poco è davvero facile. Continuate a seguirci e vi spiegheremo come fare.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

1 × 1 =