Sono cresciuta in una casa in cui ogni oggetto non era mai scelto per ostentazione ma perché legato ad un momento, ad un ricordo, a un viaggio o semplicemente perché piaceva.

E’ per questo che case come quelle della mia amica Laura mi sembrano da subito accoglienti e bellissime. Appena entri è subito chiaro che ogni cosa riflette completamente i proprietari, ogni dettaglio parla dei loro gusti, dei loro sogni, della loro personalità.
E’ una casa viva che riflette il passare degli anni, la crescita dei figli, i viaggi e l’amore per l’arte del riuso.

ingresso-2

Lo specchio è stato ricavato per esempio da un vecchio armadio anni 50, originariamente utilizzato per la camera della bambina. Quando è diventato poco funzionale è stato buttato conservandone però un pezzo che dipinto di bianco è diventato una bellissima specchiera.

L’appendiabiti è stato ricavato trasformando l’uso di un’antica spalliera da palestra, le porte sono ancora quelle originali solamente ridipinte per dare maggiore luminosità.
Il vero tocco d’artista è il corrimano delle scale. Durante una passeggiata invernale al mare (che fortuna averlo vicino), racconta Laura, avevano trovato questi bastoni levigati dalle onde. Se ne erano innamorati e li hanno portati a casa non sapendo ancora bene cosa farne. Erano in fase di ristrutturazione delle scale mancava proprio un corrimano!

E tu hai dato nuova vita ad oggetti d’arredo?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. Required fields are marked *

tre × uno =