Lo ammettiamo: il nostro marchio preferito di porcellane è italiano.

E non un italiano qualsiasi.

E’ un marchio che è sempre stato sinonimo di grande artigianalità. Che ha accompagnato nobili e alta borghesia  ma anche tante persone comuni che al proprio matrimonio si facevano regalare il servizio buono e il servizio buono era sempre Richard Ginori.

La manifattura Ginori nasce a Doccia vicino a Firenze nel 700 grazie al conte Ginori che appassionato di porcellana vuole crearne una italiana. Da subito la manifattura Doccia si distingue per la bianchezza della porcellana e per la sontuosità dei decori in oro zecchino.

Sempre nel settecento nasce un altro tratto distintivo degli oggetti ginori, i decori a rilievo. Come adesso anche allora per crescere occorreva diventare grandi. Nell’ottocento la manifattura Doccia Ginori si fonde con la manifattura Richard per diventare Richard Ginori.

La storia dell’azienda Richard Ginori è gloriosa e si intreccia con direttori artistici di calibro internazionale come Gio Ponti.

Un Ginori si riconosce alla prima occhiata da alcuni elementi:

– il  colore: la porcellana di Ginori è particolarmente bianca, tendente quasi all’azzurrino.

– il decoro a rilievo: non è presente su tutti gli oggetti. Non lo è per esempio su quelli in stile neoclassico degli anni 20/30 ma sicuramente se la porcellana presenta decori a rilievo è difficile che non sia Ginori.

– i decori in oro: lo abbiamo detto, nel settecento è diventato famoso proprio per aver utilizzato l’oro zecchino e continua ad essere un tratto distintivo anche se ha subito moltissime imitazioni specialmente dalle ceramiche di Bavaria

– bordi smerlati: molti servizi di piatti Ginori non hanno bordi regolari ma smerlati ad arte.

– lo stile italiano: un oggetto Ginori è il simbolo del buon gusto ed è qualcosa che non si può copiare. I decori non sono mai troppo ridondanti. E’ la sintesi del gusto italiano in un oggetto.

Volete innamorarvi anche voi? Facile. Sul nostro sito trovate numerosi oggetti Ginori. non lasciateveli scappare

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. Required fields are marked *

12 − 3 =