Vivere nella nostra epoca fornisce indubbi vantaggi, dalla tecnologia, all’informazione ai viaggi e anche innumerevoli svaghi. Le nostre nonne avevano ben poco la sera o nei lunghi pomeriggi d’inverno per ammazzare il tempo.
Sarà per questo che il ricamo era una delle occupazioni principali e ha prodotto veri e propri capolavori di perizia a pazienza.

Tuttavia, in quest’epoca così frenetica, usare le mani per creare qualcosa di bello conserva ancora un fascino senza tempo.

Sin da piccola mi hanno insegnato a ricamare e in particolare mi posso considerare un’esperta di punto croce.
A dir la verità pensavo fosse una passione passeggera. Niente di più sbagliato, quando ho tempo adoro ancora perdermi nel mondo delle crocette e non sono l’unica. Il punto croce è tutt’altro che morto basti pensare al successo di fiere della creatività come quella di bologna o quella meravigliosa di Formiggine: Fili senza tempo.
Provate a digitare cross stitch su pinterest. Scoprirete un mondo di appassionate e mordenissime ricamatrici.

Io continuerò a parlarvene comunque!!!

Optimized-image_2

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. Required fields are marked *

4 × uno =